Milly Carlucci ritorna con il suo "Ballando con le Stelle"

Claudia Moretta1 Ottobre 2020

Il dance show più amato dagli italiani

Ballando_14.00.40.160
Foto: ufficio stampa Rai (Nonsolorosa settembre)

È il volto più noto, e sicuramente tra i più amati, della televisione italiana. Milly Carlucci è il garbo, l’eleganza e la professionalità con cui è in grado di entrare nelle case di ciascuno di noi e restarci nel corso degli anni. Ha risposto alle domande di NONSOLOROSA a pochi giorni dall’avvio del nuovo “Ballando con le Stelle” che era stato interrotto proprio a causa del Covid-19. Un insegnante di ballo, infatti, era risultato positivo al tampone bloccando l’intera produzione che era pronta ad andare in onda da lì a poco. Dalle dichiarazioni rilasciate proprio in questi giorni, però, traspare ancora una volta tutta la professionalità e l’impegno della Carlucci che ha deciso, assieme ai vertici Rai, di sospendere tutto in attesa che i concorrenti più a stretto contatto con l’insegnante potessero provvedere a fare il tampone. Ora tutto pare rientrato e anche noi siamo pronti a godere di una nuova stagione di “Ballando con le Stelle”.

Quanto ha influito nel mondo dello spettacolo questo stop? E come ha vissuto lei a livello personale un momento così difficile e questa ripresa, che è poi quella di un intero Paese?

L’apparizione del Covid ha paralizzato il mondo dello spettacolo. In tv si è andati avanti a repliche, concerti e spettacoli teatrali e perfino i cinema sono stati penalizzati. Del resto è successo qualcosa di imprevedibile e di scioccante. L’ho vissuta male come tutti, essere privati della libertà, vedere dai tg il dolore dei nostri fratelli colpito dal dolore, sono stati mesi terribili. Noi alla fine siamo stati fortunati e dopo tante peripezie siamo pronti a tornare a ballare

Lo sport per lei ha sempre rappresentato un punto di riferimento e la trasmissione ne è un esempio. Quanto è importante per un giovane, secondo lei, praticare sport e quali valori pensa possa trasmettere soprattutto in riferimento agli ultimi fatti di cronaca di Colleferro dove ragazzi giovani si macchiano di omicidi cruenti e futili nelle loro motivazioni?

Lo sport quello vero ti dà sicuramente disciplina, ti insegna il rispetto per l’avversario e a lavorare di squadra. È una meravigliosa metafora della vita. Ti insegna a gestire anche le delusioni traendone spunti di miglioramento. Il ballo non sfugge a questa regola, alla fine Ballando è un grande racconto di storie, ma anche una competizione sportiva molto sentita.

Lei è un volto noto ormai da diversi anni, ma ha mai avuto difficoltà a farsi strada per il fatto che fosse donna? E pensa che oggi esistano situazioni di discriminazione in tal senso nel mondo dello spettacolo?

Per le donne farsi strada è sempre un po’ più difficile. Tutto sommato nello spettacolo e in tv ci si riesce più che in altri campi. Sono tante le conduttrici che sono anche capi progetto dei loro programmi. Insomma il mondo della tv dovrebbe essere da esempio anche per altri campi professionali.

Molto spesso dietro la parola “spettacolo” si cela un pregiudizio, soprattutto in questi tempi di talent-show, per cui sia facile fare soldi e ottenere fama, dimenticandosi la professionalità che c’è dietro. Cosa sarebbe importante fare o dire per far capire invece la competenza di cui c’è bisogno anche in questo ambito?

Senza sacrificio, fatica, studio e passione non si va da nessuna parte. Questo è il concetto che deve passare. Se una cosa è facile, è effimera. Finisce presto. E provoca delusioni enormi. Solo il lavoro permette al talento di esprimersi.

Biografia

Milly Carlucci, all’anagrafe, Camilla Patrizia Carlucci nasce a Sulmona nell’ottobre del 1954. È tra le più note conduttrici televisive italiane.

Le sue aspirazioni artistiche risalgono all’infanzia e sono legate soprattutto alla sua passione per il pattinaggio artistico a rotelle. Con la “Skating Folgore Roma” riuscirà a vincere anche il Campionato Italiano.

Si diploma a Roma al Liceo ginnasio statale Terenzio Mamiani e lascia poi l’università negli anni successivi per cominciare a lavorare presso l’emittente televisiva GBR.

Nel 1972 Milly vince il concorso di bellezza “Miss Teenager” e il suo cammino artistico si delinea ancora più nettamente.La popolarità giugne nel 1978 quando viene chiamata a condurre “Giochi senza Frontiere su Rai2”. Il suo volto è poi pian piano entrato in ogni eventi televisivo di importanza, diventando quasi una figura istituzionale.

Ha due sorelle che lavorano o hanno lavorato anch’esse nel mondo dello spettacolo: Gabriella Carlucci come conduttrice televisiva, Anna Carlucci come autrice televisiva e regista.

Nel 1985 Milly sposa l’ingegnere Angelo Donati, da cui ha i figli Angelica Donati e Patrick Donati.

Foto: ufficio stampa Rai (Nonsolorosa settembre)
Ballando con le stelle 2020
Foto: ufficio stampa Rai (Nonsolorosa settembre)

chevron-down-circle