ONCE I WAS. OLTRE LA STORIA DI TIM E JEFF BUCKLEY

Redazione9 Novembre 2021

Una storia che lascia  graffi sull' anima cosi come una puntina rovinata solca sgraziatamente  il vinile della loro musica

Uno spettacolo scritto, diretto, cantato e interpretato da Francesco Meoni

Locandina_ONCE-i-WAS_2021_web

Con

Vincenzo Marti (voce e chitarre)

Giuseppe Panico(tromba)

Roberta Fornari / Fabio  Pitrelli (chitarra)

 Alberto Caneva (basso)

Rocco Teora / Salvatore Caruso (batteria)

Dal 14 a19 dicembre 2021

TEATRO DUE

Vicolo due Macelli 37 – Roma tel. 3298136968

Ingresso: €20 (intero) - € 15 (ridotto)

orario : da martedi a sabato ore 21,00; domenica ore 18,00.

Tim e Jeff Buckley: un padre e un figlio che condivisero troppo poco tempo insieme e un destino molto tragico. Questa è la vita ma anche la trama narrativa di ONCE I WAS, lo spettacolo di teatro e musica concepito, scritto, diretto e interpretato da Francesco Meoni che parte dalla storia dei due musicisti americani vissuti tra gli anni 60 e 90, per indagare il loro mancato rapporto padre-figlio.

Un excursus poetico che alterna la storia delle loro vicissitudini personali alle loro carriere lungo un binario che, se nella loro sfortunata esperienza raramente si incrociò, sul palcoscenico è messo in prima linea tramite una partitura interpretativa integrata dal vivo da un organico di validi musicisti che vede in scena Vincenzo Marti (voce e chitarre), Toni Mancuso (tromba e flicorno), Danilo Valentini e Luca Figlioli (chitarra); Nicola Ronconi e Alberto Caneva (basso) , Rocco Teora e Salvatore Caruso (batteria).

Un linguaggio unico nella quale gli spunti sonori degli hits dei Buckley (da I Never Asked to Be Your Mountain e Once I Was  di Tim a Grace e la reinterpretazione di Halleluyah di Jeff) lasciano spazio ad una confluenza ininterrotta di note,  parole,  sentimenti ed emozioni nel quale la trama emotiva delineata dalla necessità di dire o dall’urgenza di spiegare le ragioni della solitudine o delle incomprensioni generate si fa tessitura di uno spettacolo psicologicamente complesso ma che ben contestualizza anche le radici e sviluppi di un pezzo della storia rock americana.   

Info e prenotazioni : +39 329 813 6968    caterinaguida1985@gmail.com

chevron-down-circle